Vittima di abusi dal compagno, i servizi sociali mandano i figli a vivere da lui: donna coraggio denuncia 9 assistenti sociali bolognesi

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa.

BOLOGNA – Si fa un gran parlare di aiutare le donne vittime di violenza, spronandole a denunciare i compagni violenti. Ma quante di loro sono effettivamente incentivate a farlo se, come nel caso di una donna di Bologna, incappano in simili assistenti sociali?

Oltre ad averla convinta inizialmente a ritirare la denuncia contro il compagno convivente, per anni la abbandonano a se stessa e addirittura, arbitrariamente e senza un provvedimento del tribunale, le tolgono i figli e li mandano a vivere nientemeno che dal padre violento. Dopo 12 anni da incubo vissuti in famiglia, ne ha trascorsi quasi 10 a combattere contro il sistema. I figli le sono stati tolti, pur avendo lei la potestà genitoriale: il maggiore non la vuole più vedere, la minore ha ripreso i contatti con lei ma vive una situazione drammatica e pericolosa, fra uso di sostanze stupefacenti, aggressività, cattive frequentazioni.

“Se i servizi sociali avessero ascoltato le ripetute richieste avanzate da questa madre tutto questo non sarebbe accaduto”, precisa l’avvocato Miraglia, al quale la donna si è rivolta.

La donna ha vissuto una convivenza da incubo, picchiata, violentata, umiliata, minacciata di essere sfregiata con l’acido dal marito che le ripeteva come avrebbe “scannato” i loro figli se solo lo avesse lasciato o denunciato. Quando finalmente trova il coraggio di denunciarlo, passa da un incubo all’altro: le assistenti sociali che si susseguono negli anni tutto fanno tranne che fornirle aiuto e supporto.

Gli assistenti sociali referenti del caso del Comune di Bologna le fanno inizialmente ritirare la denuncia, la mandano in case famiglia fatiscenti e sporche, dove giravano liberamente i topi e viene servito cibo scaduto, trattandola come “ostile” ogniqualvolta palesa le sue difficoltà. Nonostante l’ex marito sia stato arrestato e condannato per violenza sessuale e maltrattamenti in famiglia, senza un provvedimento del tribunale a un certo punto hanno collocato i due ragazzi a casa sua, togliendoli alla madre.

Mai un progetto di sostegno, né un aiuto psicologico specialmente ai figli, che lanciavano chiari segnali di problematicità: rimasti inascoltati la madre, il tribunale, gli insegnanti, gli psicologi, che richiedevano progetti di sostegno concreto. Gli assistenti sociali non si sono presi cura minimamente di questa madre, e soprattutto dei suoi figli. Ormai stremata, la donna ha deciso di denunciare nove assistenti sociali per falsità ideologica, riservandosi di costituirsi parte civile per il risarcimento dei danni materiali e morali subiti.

“Chi pagherà per tutto questo? – prosegue l’avvocato Miraglia – Chi risarcirà questa donna e sua figlia per anni di incuria, ingiustizia e abbandono, e per gli effetti che questi hanno causato? Pare purtroppo un déjà-vu: quante volte ci siamo trovati di fronte a situazioni analoghe, a strutture fatiscenti, a genitori abbandonati dalle istituzioni. A farne le spese sono principalmente i minori. I Comuni dell’Emilia – Romagna decantano l’attenzione al welfare, al benessere delle persone e delle famiglie, ma nel concreto mancano di fatto i controlli su strutture e provvedimenti, e continuiamo a trovarci di fronte a comunità fatiscenti, nonostante i Comuni paghino abbondantemente le comunità che debbano accogliere le madri e i minori”.

“Assistenti sociali che fanno il bello e il cattivo tempo, senza preoccuparsi del benessere delle persone in difficoltà, che invece sono chiamati ad aiutare e a sostenere”, chiude Miraglia. In questi giorni è stata depositata una querela denuncia nei confronti degli assistenti sociali di Bologna che negli anni si sono succeduti nella vicenda.

Studio Legale Miraglia