Caso Saman scomparsa, il Pd di Novellara condanna i matrimoni forzati

Il Circolo PD di Novellara in merito alla vicenda della giovane Saman, condanna fermamente la pratica dei matrimoni forzati frutto di una concezione dell’individuo e della donna in particolare, del tutto disumana, e condanna ogni atto di violenza sulle donne o tentativo di limitarne il diritto all’autodeterminazione.
Ricordiamo che in Italia queste pratiche che violano le libertà stesse dell’individuo o quella più tristemente nota delle mutilazioni genitali sono espressamente vietate.
Quanto accaduto, se confermato dalle indagini in corso, non può cancellare il cammino anche sfidante e faticoso, di tanti “nuovi” cittadini che nella nostra realtà hanno trovato una perfetta integrazione sociale, culturale ed economica.
Fin dall’inizio del fenomeno migratorio la nostra Comunità novellarese si è contraddistinta per le sue politiche sociali inclusive e di dialogo, e l’Amministrazione stessa nelle diverse legislature ha adottato numerose iniziative finalizzate all’integrazione ed alla conoscenza reciproca. Questo atteggiamento ha da sempre caratterizzato il nostro Paese, tanto da farlo divenire Città esempio di integrazione e convivenza.
Riteniamo che anche davanti a questo evento deprecabile, debba prevalere l’atteggiamento di civiltà e rispetto che l’Amministrazione stessa sta mantenendo attraverso l’impegno diretto del suo Sindaco e che debba essere respinto con decisione ogni tentativo di strumentalizzazione politica, che in questa circostanza sarebbe non solo ingiusto, ma anche moralmente deprecabile e disgustoso.
Esprimiamo infine sostegno e ringraziamento per il lavoro svolto in questi mesi alle forze dell’ordine in concerto coi servizi sociali, e vogliamo ribadire che saremo sempre al fianco dell’Amministrazione, per supportarla in azioni e progetti volti a sostenere le donne contro ogni forma di discrminazione, violenza e sopruso.


Segreteria Circolo PD Novellara

Barcaiuolo (FDI): “Ennesimo smacco per il centro storico, la sinistra danneggia ulteriormente il commercio di vicinato”

IL CONSIGLIERE REGIONALE DENUNCIA LA CHIUSURA DA PARTE DELL’AMMINISTRAZIONE MUZZARELLI DEL PIÙ GRANDE POSTEGGIO ADIACENTE AL CENTRO DI MODENA

MODENA – Da lunedì 3 maggio chiuderà il più ampio parcheggio gratuito adiacente al centro storico per consentire lo svolgimento dei lavori di ristrutturazione dell’area ex Amcm. 

“È alquanto curioso come, dopo mesi di chiusure imposte e sacrifici da parte di cittadini e commercianti, l’Amministrazione Muzzarelli decida di interdire l’accesso al più ampio parcheggio gratuito del centro storico – commenta il consigliere e coordinatore regionale di FdI Michele Barcaiuolo – il Comune aveva il compito di trovare una alternativa per consentire il parcheggio gratuito in aree con la medesima distanza dal centro al fine di non gravare ulteriormente sui commercianti”. 

“Il centro storico ha subito forti cali in termini di acquisti e la scelta messa in campo dalla sinistra modenese appare un ulteriore incentivo alla desertificazione del cuore della città, lasciando spazio all’aumento di criminalità e vandalismo, già in questi mesi all’ordine del giorno della cronaca locale” conclude Barcaiuolo.

Michele Barcaiuolo