Caso Saman scomparsa, la Lega: “Presenteremo atto presso il Ministero dell’Interno”

I LEGHISTI REGGIANI: “IMMOBILISMO VERGOGNOSO DEL COMUNE DI NOVELLARA CONTRO I MATRIMONI COMBINATI”

Reggio Emilia – “L’augurio di tutti è che Saman sia viva. Ringraziamo il Prefetto di Reggio Emilia, dottoressa Iolanda Rolli, per averci oggi ricevuto e aggiornato sulla situazione. Da mesi la Lega insiste per intensificare la sensibilizzazione contro i matrimoni forzati. Sono state presentate interrogazioni alla Giunta di Novellara ed è perfino stata approvata una nostra mozione all’unanimità, ma il Comune non ha mai mosso un dito in questa direzione. Una latitanza vergognosa rispetto ad un fenomeno gravissimo. Nelle prossime ore presenteremo un’interrogazione anche al Ministro dell’Interno. La libertà e la dignità di tutte le donne vanno rispettate sempre. Vivere in Italia significa godere di tutti i benefici che un Paese libero e democratico può offrire, ma ciò comporta anche il pieno rispetto delle nostre regole. Senza ‘se’ e senza ‘ma'”.

Lo dichiarano la deputata della Lega Benedetta Fiorini, il referente provinciale Lega di Reggio Emilia, Matteo Melato, e i consiglieri comunali Lega del Comune di Novellara Cristina Fantinati e Luca Dall’Aglio.

Caso Saman scomparsa, Fantinati (Lega): “I dubbi di questa vicenda”

Cristina Fantinati

Il 21 gennaio la stampa riportava che: “un uomo di 43 anni e la moglie di 46 residenti a Novellara, entrambi pakistani, sono stati denunciati dai carabinieri alla Procura di Reggio Emilia con l’accusa di concorso in costrizione o induzione al matrimonio della figlia minorenne, che di lì a poco avrebbe compiuto 18 anni, e che si sarebbe dovuta sposare con il cugino. Il biglietto aereo per raggiungere in Pakistan il cugino consorte era già stato acquistato dai genitori, ma la ragazza, ancora minorenne, si è ribellata e ha denunciato tutto ai Servizi sociali del Comune, che hanno poi segnalato la vicenda ai Carabinieri. La data del matrimonio era già stata fissata per il 22 dicembre e la giovane sarebbe dovuta partire il 17 Dicembre, soltanto pochi giorni dopo essere diventata maggiorenne. Ma lei, contraria alle nozze combinate, ha giocato d’anticipo avvisando a Novembre i Servizi sociali, che l’hanno allontanata d’urgenza dalla casa familiare e collocata in una struttura protetta”.

Il giorno successivo (22 Gennaio) il Gruppo Consiliare di Centrodestra di Novellara si è attivato immediatamente presentando una mozione in Consiglio per impegnare il Sindaco a mettere in atto azioni di sensibilizzazione e di contrasto alla pratica dei matrimoni combinati. Il caso di questa ragazza che ha avuto il coraggio di ribellarsi alla sua famiglia sembrava risolto, quando ahimè abbiamo appreso sempre dalla stampa della sua scomparsa.

Eravamo stati avvisati alcuni giorni fa da alcuni cittadini sulla presenza di diverse pattuglie di Carabinieri nelle campagne dell’area Nord di Novellara con cani e droni alla ricerca di una ragazza scomparsa, mentre dal Sindaco e dagli Assessori non ci è arrivata nessuna informazione.

Premettendo che ci auguriamo che la ragazza venga ritrovata sana e salva, leggendo i particolari di questa vicenda sui giornali, sorgono diversi dubbi.

Come mai soltanto ieri è uscita la notizia della scomparsa con pubblicazione della foto della ragazza, quando si apprende che i Carabinieri ne avevano constatato la scomparsa già i primi di Maggio? Non sarebbe stato utile diffondere la notizia e la fotografia già da subito,nel caso qualcuno l’avesse vista o avesse avuto informazioni utili al suo ritrovamento? E come mai la famiglia di questa ragazza non ha denunciato la sua scomparsa ed è partita in tutta fretta per il Pakistan senza avvisare nessuno?

Ma ciò che vorrei capire meglio riguarda il ruolo dei Servizi Sociali che l’hanno accolta in un centro per proteggerla, ma che la ragazza ha poi abbandonato al raggiungimento della maggiore età: i servizi sociali hanno adeguatamente informato la ragazza dei rischi che poteva correre? L’hanno protetta, tutelata, aiutata, difesa anche tenendo con lei i contatti quotidiani per capire se il ritorno in famiglia fosse stato difficile e problematico? Sono andati a verificare di persona che la situazione si fosse normalizzata oppure fino al momento dell’arrivo dei Carabinieri nessuno aveva avuto contatti con lei?  

Per tutti questi motivi, considerando anche che nessuno ha informato i Consiglieri Comunali di Centrodestra che si erano formalmente interessati alla vicenda, ho personalmente chiesto all’Onorevole Benedetta Fiorini di intervenire con urgenza in Parlamento per cercare di far luce su questa triste vicenda e per sollecitare le Istituzioni tutte affinchè si mettano in campo tutte le azioni utili al ritrovamento di Saman.

Cristina Fantinati                          

Capogruppo Centrodestra Novellara

Consigliere Provinciale “Lega”

Nuovi ingressi in Lega a Reggio Emilia: tutte donne a entrare nel partito di Salvini

 “La Lega ha preso una decisione chiara: lavorare per il Paese, senza stare seduta in divano a criticare, invano, quello che fanno gli altri. Questa scelta fa bene all’Italia e ci premia anche in termini di consenso. Dopo Cristina Fantinati, consigliere provinciale, ed Elena Montanari, consigliere comunale a Montecchio, oggi anche l’imprenditrice nel settore dell’export, Isabella Bertani, prima dei non eletti nella lista di Forza Italia nel capoluogo reggiano, aderisce al progetto di Matteo Salvini – spiega il senatore Andrea Ostellari, commissario Lega Emilia – Salvini Premier – Altri seguiranno il suo percorso nei prossimi giorni”.

“Reggio Emilia ha bisogno di coraggio e voglia di fare –  prosegue Matteo Melato, referente provinciale Lega Reggio Emilia – Salvini Premier – Ringrazio Isabella, Cristiana ed Elena, a cui do il benvenuto, per aver scelto di impegnarsi insieme a noi e a Matteo Salvini. Qui c’è spazio per chi ha voglia di lavorare al servizio della comunità. L’ambizione di chi fa politica deve essere risolvere i problemi dei cittadini, non accontentarsi di essere ricandidato”.

Fantinati e Dall’Aglio: “Chi ha autorizzato questo maxi assembramento?”

LE FOTO MOSTRANO UN RAGGRUPPAMENTO DI PERSONE IN UNA TENSOSTRUTTURA PER I FESTEGGIAMENTI DI FINE RAMADAN

Stamattina tanti novellaresi ci hanno segnalato un maxi assembramento di persone ammassate all’interno della tensostruttura a fianco della scuola primaria di San Giovanni di Novellara, che risultava utilizzata internamente ed esternamente per una manifestazione relativa ai festeggiamenti di fine Ramadan che, visto il numero di automobili presenti nell’area circostante, si stima fosse partecipata da tantissime di persone. (alleghiamo le foto che ci hanno inviato i cittadini)

Tale tensostruttura risulta completamente chiusa, ad eccezione della porta di ingresso, configurandosi in questo modo come vero e proprio assembramento in ambiente “al chiuso”;  inoltre il fabbricato che ospita la scuola primaria “San Giovanni” si trova in stretta aderenza con la tensostruttura, tant’è che i genitori che accompagnano i figli a scuola, non hanno trovato un parcheggio libero.

Considerando che sono ancora in vigore le misure di prevenzione del contagio e di limitazione del rischio di diffusione del COVID-19, che  prevedono come capisaldi, tra gli altri, il mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro e un buon ricambio d’aria in tutti gli ambienti e l’utilizzo della mascherina, che le manifestazioni al chiuso non sono ancora liberamente consentite e anche quelle all’aperto sono soggette a forti limitazioni, che il rispetto della normativa anti-Covid è nota ormai a tutti ed è di primaria importanza la tutela della salute individuale e pubblica, per tutti questi  motivi il Gruppo Consiliare Insieme ha depositato un’interrogazione urgente per chiedere al Sindaco di riferire in Consiglio Comunale in merito a tale vicenda, per capire chi ha rilasciato le autorizzazioni, se siano stati previsti controlli delle forze dell’ordine, se siano state rispettate le limitazioni anti-Covid e di illustrare quali siano le strategie a tutela del rispetto delle normative e della salute dei cittadini. 

Abbiamo inoltre informato le forze dell’ordine e abbiamo richiesto copia degli atti con cui l’Amministrazione Comunale ha autorizzato tale manifestazione, comprese le concessioni dell’uso di tale tensostruttura, l’occupazione suolo pubblico, a quale ente o associazione siano state rilasciate le autorizzazioni, i protocolli e le prescrizioni previste, i controlli eventualmente effettuati.

Cristina Fantinati e Luca Dall’Aglio, consiglieri comunali

Cristina Fantinati
Luca Dall’Aglio

Sessione europea, Rancan (Lega): “Dalla Lega proposte concrete per imprese, agricoltura, ambiente e salute”

BOLOGNA – “Non possiamo e non vogliamo più assistere ancora a politiche europee che vessano le nostre aziende e soffocano le idee e l’ingegno del nostro territorio. Occorre un cambio di passo, che veda la Giunta regionale impegnata a perseguire il bene del territorio e dei cittadini emiliano-romagnoli, e per farlo occorre che l’Emilia-Romagna si ponga nei confronti delle istituzioni europee con un atteggiamento rinnovato, puntuale e concreto e non asservito. E’ con questo spirito che il gruppo regionale Lega Er ha presentato ben 25 emendamenti (di cui 17 sono stati approvati) alla Risoluzione sulla Sessione Europea. Si tratta di emenadamenti che guardano le cose nel merito, che puntano al benessere del territorio e non alle schermaglie ideologiche”. Lo ha detto il capogruppo della Lega Er, Matteo Rancan, intervenendo nell’assise dell’assemblea legislativa, dove ha illustrato gli emendamenti presentati dal Carroccio: “I fondi stanziati dal Pnrr e dal Next Generation Eu rappresentano un’occasione importante per il rilancio dell’Emilia-Romagna: è in quest’ottica propositiva che abbiamo elaborato e presentato proposte che guardano al rilancio economico, alle infrastrutture, alla moratoria sui debiti contratti dalle imprese a causa del Covid, alla tutela del mondo agricolo e delle produzioni vitivinicole, alla lotta alle discriminazioni, alla valorizzazione del ruolo della donna nel mondo del lavoro, al rilancio della medicina territoriale”.

“Tuttavia – ha concluso Rancan – la nostra buona volontà manifestata nelle proposte concrete che abbiamo avanzato richiede, di rimando, un maggiore e puntuale confronto con la Giunta, dalla quale pretendiamo di essere consultati sistematicamente su ogni singolo progetto che preveda l’utilizzo dei fondi comunitari”.

Covid, Rancan (Lega): “Ripresa vaccinazioni insegnanti è fatto importante: istruzione in presenza una priorità”

BOLOGNA – “La ripresa delle vaccinazioni degli insegnanti è un fatto importante e decisivo per il mondo dell’istruzione. E’ infatti fondamentale “accelerare” sul fronte delle vaccinazioni del personale docente ed è per questo che ringraziamo il commissario straordinario, Generale Francesco Paolo Figliuolo, per l’impegno costante e prezioso che sta riservando al piano vaccinale: garantire l’istruzione in presenza ed in sicurezza deve essere una priorità della nostra Regione”. Così il capogruppo della Lega Er, Matteo Rancan, all’annuncio della ripresa delle vaccinazioni degli insegnanti da parte dell’assessore alla Sanità, Raffaele Donini.

“E’ importante che gli studenti tornino in classe perché solo la didattica in presenza consente loro di ritrovarsi nel gruppo, di relazionarsi con i maestri e con i coetanei, insegna loro a mettersi in gioco, accettare le differenze, trarre spunti d’emulazione da esempi positivi. È questo che fa della scuola una vera e propria palestra per la vita socio-affettiva presente e futura, dove apprendere modelli di convivenza civile, di solidarietà, di rispetto dell’altro, di gestione dei conflitti” conclude il capogruppo leghista.