Spaccio in via Alai, continua la “filiera della droga” in zona stazione

#SOSreggiopress: le segnalazioni dei cittadini al nostro blog

Ennesima segnalazione di spaccio in via Alai, nel quartiere stazione, a fianco di via Eritrea. A renderlo noto a ReggioPress, un cittadino reggiano intento a trovare un parente. Nei portici della zona vi è costante bivacco da parte di cittadini stranieri, e così pure in tutto il quartiere, che assieme a Piazzale Europa e alla zona antistante le ex Reggiane è la più frequente per segnalazioni di cessioni di sostanze stupefacenti e illeciti. In questa settimana al blog ReggioPress sono pervenute diverse indicazioni di come la situazione ormai sia invivibile a causa di un rapido scivolamento nel degrado più completo.

Aimi (Forza Italia): “Avanti con mio progetto di legge “Brumotti” contro degrado e spaccio”

Enrico Aimi

PARMA – “Aumentare pena per spacciatori. Calendarizzare subito mio disegno di legge “Brumotti” per bonificare le piazze dello spaccio”
L’inchiesta giornalistica di Vittorio Brumotti, che nei giorni scorsi si è recato a Parma, ha acceso i riflettori su una realtà drammatica che ormai è da troppo tempo sotto gli occhi di tutti. Il parco Ducale è ormai preda di spacciatori di ogni genere: e tutto questo in pieno centro, nonostante l’impegno profuso dalle Forze dell’Ordine nel contrasto a questo odioso e allarmante fenomeno. Il vero problema, nel nostro Paese, sta nella certezza – o meglio nell’incertezza – della pena e, soprattutto dell’arresto. Serve una riforma complessiva che consenta infatti di arrestare e mettere in carcere anche i piccoli spacciatori e di espellere con celerità gli stranieri irregolari che, troppo spesso, vivono proprio di delinquenza e spaccio. Proprio in tal senso va il mio disegno di legge, volto a modificare l’articolo 73 comma 5 del DPR 309/90 (Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza). Sarebbe una semplice e intelligente “controrivoluzione” nel nostro sistema penale e anche culturale. Il fatto di “lieve entità” è attualmente punito con reclusione da sei mesi a quattro anni. Una previsione che non consente di applicare in pieno la custodia in carcere, spesso vanificando gli innumerevoli sforzi delle Forze dell’Ordine che si ritrovano ad arrestare soggetti che, dopo qualche giorno, ritornano in libertà. Il mio disegno di legge, che auspico sia calendarizzato in tempi brevi, propone di aumentare la pena da un minimo di uno a un massimo di cinque anni, consentendo così di assicurare realmente alla giustizia questi spacciatori che creano degrado, pericolo e grande allarme sociale. In questo caso l’arresto sarebbe obbligatorio e non più solo facoltativo. Più sicurezza per i cittadini, meno frustrazione per le forze dell’ordine”.


Enrico Aimi, senatore, Commissario provinciale FI Parma e Coordinatore Regionale Emilia Romagna.