Le famiglie bisognose di Montecchio ricevono i pacchi della solidarietà di Coldiretti

L’operazione solidale “A sostegno di chi ha più bisogno”, promossa da Coldiretti, Filiera Italia e Campagna Amica su tutto il territorio nazionale, con la partecipazione delle più rilevanti realtà economiche e sociali del Paese, che destina aiuti alimentari alle famiglie indigenti, oggi è arrivata all’Emporio solidale Remida Food di Montecchio Emilia.

Sono stati consegnati infatti 150 chilogrammi di prodotti alimentari di qualità al comune di Montecchio, alla presenza del segretario di zona Coldiretti Marcello Zanetti, la Responsabile Servizio Sociale Territoriale di Montecchio Emilia Margherita Merotto e un gruppo di volontari che si dedicano alla composizione della spesa settimanale per 180 persone circa.

«Ringraziano per la sensibilità dimostrata da Coldiretti con la donazione ricevuta – dichiara il Sindaco Fausto Torelli. L’Emporio Solidale Remida food è attivo da oltre 10 anni ed aiuta annualmente circa 55 famiglie (180 persone fra adulti e bambini)».

«Stiamo raggiungendo quante più persone sul territorio reggiano, consegnando prodotti alimentari di qualità – commenta Maria Cerabona direttore della Coldiretti di Reggio Emilia – rappresentativi del valore della nostra agricoltura. Ci auguriamo che porti un po’ di speranza, conforto e vicinanza per le persone in difficoltà».

Ai ringraziamenti del Sindaco si aggiungono anche quelli dell’assessore Bruno Aleotti. «In un momento come questo pensare a chi ha più bisogno è segno di una profonda attenzione verso il prossimo che vi fa vanto e che ci dimostra come dalle difficoltà possiamo emergere uniti e più forti anche grazie a questi gesti. Voglio personalmente ringraziare singolarmente tutti i vostri associati unendovi ad un grazie verso tutti coloro che si stanno adoperando per aiutare chi è nel bisogno sperando che altri seguano il vostro esempio».

I pacchi contengono prodotti 100% Made in Italy come – spiega Coldiretti Reggio Emilia – pasta e riso, Parmigiano Reggiano e Grana Padano, biscotti, sughi, salsa di pomodoro, tonno sott’olio, dolci e colombe pasquali, stinchi, cotechini e prosciutti, carne, latte, panna da cucina, zucchero, olio extra vergine di oliva, legumi e formaggi fra caciotte e pecorino.

L’iniziativa è stata resa possibile grazie alla disponibilità del Cae di Gattatico e dalla partecipazione di: Conad, Bonifiche Ferraresi, Philip Morris, Eni, Snam, Intesa San Paolo, Generali, De Cecco, Cattolica Assicurazioni Grana Padano, Barilla, Enel, Confapi, Fondazione Tim, Inalca, De Rica, Pomì, Casillo Group, Mutti, Monte dei Paschi di Siena, Granarolo, Coprob, Virgilio, Parmigiano Reggiano, Casa Modena, Ismea, Fondazione Osservatorio Agromafie, Crea.

Corrado Ferrari è il nuovo presidente della Pro Loco di Albinea

ALBINEA – Corrado Ferrari, 56 anni, ingegnere e appassionato di storia locale, dal 10 di aprile è il nuovo presidente della Pro Loco di Albinea. L’elezione è avvenuta al termine del consiglio direttivo dell’associazione.

Ferrari succede ad Adriano Corradini, scomparso il 14 marzo scorso all’età di 83 anni, che guidò la pro loco per 49 anni.

Pro Loco si occupa di promuovere l’attività turistica attraverso la valorizzazione delle eccellenze del territorio, naturalistiche, architettoniche, storiche e gastronomiche.

“Non sarà facile sostituire una persona come Adriano, che ha dedicato gran parte della sua vita all’associazione e al territorio – spiega Ferrari – Cercherò di proseguire la sua opera dal punto di vista storico e archivistico, con l’obiettivo di proiettarci nel futuro attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie di divulgazione, procedimento ormai indispensabile per raggiungere le nuove generazioni e allargare la base dei sostenitori”.

Corrado Ferrari

buone notizie/Agenti della Questura reggiana pagano cena e stanza in hotel a una famiglia in difficoltà

Ieri gli Agenti della Squadra Volante intervenuti a seguito alla segnalazione di una lite in atto in via A. De Gasperi, si imbattevano in un uomo e una donna pakistani che discutevano.La donna, proprietaria dell’immobile che era stato ceduto in locazione all’uomo, aveva chiesto allo stesso di essere ospitata assieme ai figli temporaneamente per essersi trovata improvvisamente in grave difficoltà.L’uomo si era rifiutato di ospitarla. Di qui la discussione.All’arrivo della pattuglia la donna spiegava le ragioni dello stato d’angoscia provato per essere rimasta priva di un’occupazione lavorativa e di alloggio e per non avere un luogo dove poter trascorrere la notte con i figli che erano digiuni da ore. Gli Agenti della squadra volante senza indugio si dirigevano così verso il “Park Hotel” e prenotavano a proprie spese una camera per la donna e i figli per trascorrere la notte.Subito dopo assicuravano loro anche un pasto caldo rinunciando ai buoni pasto forniti dall’Amministrazione per l’espletamento del turno di servizio.Dopo avere risolto la situazione contingente procuravano alla donna il recapito dei servizi assistenziali locali.

Tadolini (Centro Studi Italia): “Un pensiero forte: EUROPA Superpotenza”


In Europa si ragiona di un progetto, un piano, più che un sogno o una visione. Si evita di dire un’idea. Si tratta nientemeno che di guadagnare lo status di superpotenza.
Se ne discute ai vertici dell’Unione Europea, mai utilizzando il termine esplicito di superpotenza. Quelli che, a ragione o a torto, sono stati bollati come euroburocrati mimetizzano l’operazione dietro alcune formule, di cui una, in particolare, è divenuta globalmente nota, Autonomia Strategica. Tant’è che nei giorni scorsi il Presidente della superpotenza cinese ha esplicitamente invitato la Cancelliera tedesca Merkel a realizzare compiutamente questa fase di autonomia europea.
In questi anni il piano di superpotenza europea ha avuto i suoi campioni nei franco-tedeschi, come il Presidente francese Macron che ha dettato una sua dottrina riguardo il futuro dell’Europa, divenendo famoso per aver dichiarato la morte cerebrale della NATO.
E qui si arriva al punto scottante del ragionamento su Europa superpotenza, cioè il rapporto transatlantico. Una superpotenza per essere tale non può essere subalterna ad un’altra superpotenza. L’Unione Europea non può essere subalterna agli USA, di cui è formalmente alleata attraverso la NATO, alleanza dove gli USA sono indiscutibilmente egemoni.
L’Unione Europea, tuttavia, è un gigante di 460 milioni di abitanti, con una ampiezza territoriale continentale, una formidabile potenza economica e tecnologica; infine con una capacità militare molto più forte di quanto si voglia far credere.
Se Europa Superpotenza ancora non viene presentata come un’idea politica può essere un ragionamento dettato dalla contingenza globale.
Il mondo dei nostri giorni è un mondo multilaterale di grandi superpotenze continentali: Stati Uniti, la Cina, la Russia e l’India. È un dato di fatto incontestabile.
Oggi possiamo avere una rapida prospettiva del percorso che ci ha condotto a questa situazione. La prima metà del secolo scorso vede sparire gli imperi che avevano governato l’umanità nei secoli precedenti. Dalla Seconda Guerra mondiale emergono le due sole superpotenze vincitrici Usa e Urss, che impongono il bipolarismo della Guerra Fredda. Caduto il Muro di Berlino, gli Stati Uniti si pongono al comando di un unilaterale Nuovo Ordine Mondiale. Negli anni Novanta la rinascita russa sotto la guida del Presidente Putin mette in discussione l’egemonia statunitense. Con il nuovo millennio, anche la Cina consolida lo status di superpotenza, seguita dall’India. Il primo ventennio del Duemila si chiude con la certificazione della Cina come contraltare degli USA, determinando, insieme alle altre superpotenze, una condizione globale di multilateralità.
In questa scacchiera l’Unione Europea non può giocare senza guadagnare lo status di superpotenza.
Un freddo ragionamento di vertice senz’anima?
È molto difficile trovare nella politica europea un pronunciamento a diventare una superpotenza. In questi decenni abbiamo visto continuamente statunitensi, russi, indiani e cinesi coltivare la coscienza collettiva di rappresentare una superpotenza.
In Europa spesso la politica si divide per la simpatia, se non sudditanza, verso l’una o l’altra superpotenza, ma mai per una Europa superpotenza.
Nel 1964 un geopolitico belga Jean Thiriart pubblicò un libro dal titolo «Un empire de quatre cents millions d’hommes, l’Europe». Era la Guerra Fredda, il seme non attecchì.
Abbiamo continuato a vivere come se la nostra Europa fosse impermeabile alle vicende del mondo. Come se crisi, guerre e malattie appartenessero solo al passato o ad altri luoghi. Facciamo politica con la prospettiva del nostro cortile e facendoci belli di idee che tanto sappiamo non saremo chiamati dar prova. Sempre pronti a schernire ed insultare la nostra Patria. Guardiamo e lodiamo gli altri popoli diventare potenti, ma non li emuliamo.
Europa superpotenza è l’unico pensiero forte che si presenta ai popoli europei dei nostri giorni. L’Europa ha un’importanza strategica che non lascia scampo al diventare terreno di confronto fra le altre superpotenze. Per difendere l’Europa dobbiamo essere una superpotenza.


Luca Tadolini, Centro Studi Italia

Vittima di abusi dal compagno, i servizi sociali mandano i figli a vivere da lui: donna coraggio denuncia 9 assistenti sociali bolognesi

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa.

BOLOGNA – Si fa un gran parlare di aiutare le donne vittime di violenza, spronandole a denunciare i compagni violenti. Ma quante di loro sono effettivamente incentivate a farlo se, come nel caso di una donna di Bologna, incappano in simili assistenti sociali?

Oltre ad averla convinta inizialmente a ritirare la denuncia contro il compagno convivente, per anni la abbandonano a se stessa e addirittura, arbitrariamente e senza un provvedimento del tribunale, le tolgono i figli e li mandano a vivere nientemeno che dal padre violento. Dopo 12 anni da incubo vissuti in famiglia, ne ha trascorsi quasi 10 a combattere contro il sistema. I figli le sono stati tolti, pur avendo lei la potestà genitoriale: il maggiore non la vuole più vedere, la minore ha ripreso i contatti con lei ma vive una situazione drammatica e pericolosa, fra uso di sostanze stupefacenti, aggressività, cattive frequentazioni.

“Se i servizi sociali avessero ascoltato le ripetute richieste avanzate da questa madre tutto questo non sarebbe accaduto”, precisa l’avvocato Miraglia, al quale la donna si è rivolta.

La donna ha vissuto una convivenza da incubo, picchiata, violentata, umiliata, minacciata di essere sfregiata con l’acido dal marito che le ripeteva come avrebbe “scannato” i loro figli se solo lo avesse lasciato o denunciato. Quando finalmente trova il coraggio di denunciarlo, passa da un incubo all’altro: le assistenti sociali che si susseguono negli anni tutto fanno tranne che fornirle aiuto e supporto.

Gli assistenti sociali referenti del caso del Comune di Bologna le fanno inizialmente ritirare la denuncia, la mandano in case famiglia fatiscenti e sporche, dove giravano liberamente i topi e viene servito cibo scaduto, trattandola come “ostile” ogniqualvolta palesa le sue difficoltà. Nonostante l’ex marito sia stato arrestato e condannato per violenza sessuale e maltrattamenti in famiglia, senza un provvedimento del tribunale a un certo punto hanno collocato i due ragazzi a casa sua, togliendoli alla madre.

Mai un progetto di sostegno, né un aiuto psicologico specialmente ai figli, che lanciavano chiari segnali di problematicità: rimasti inascoltati la madre, il tribunale, gli insegnanti, gli psicologi, che richiedevano progetti di sostegno concreto. Gli assistenti sociali non si sono presi cura minimamente di questa madre, e soprattutto dei suoi figli. Ormai stremata, la donna ha deciso di denunciare nove assistenti sociali per falsità ideologica, riservandosi di costituirsi parte civile per il risarcimento dei danni materiali e morali subiti.

“Chi pagherà per tutto questo? – prosegue l’avvocato Miraglia – Chi risarcirà questa donna e sua figlia per anni di incuria, ingiustizia e abbandono, e per gli effetti che questi hanno causato? Pare purtroppo un déjà-vu: quante volte ci siamo trovati di fronte a situazioni analoghe, a strutture fatiscenti, a genitori abbandonati dalle istituzioni. A farne le spese sono principalmente i minori. I Comuni dell’Emilia – Romagna decantano l’attenzione al welfare, al benessere delle persone e delle famiglie, ma nel concreto mancano di fatto i controlli su strutture e provvedimenti, e continuiamo a trovarci di fronte a comunità fatiscenti, nonostante i Comuni paghino abbondantemente le comunità che debbano accogliere le madri e i minori”.

“Assistenti sociali che fanno il bello e il cattivo tempo, senza preoccuparsi del benessere delle persone in difficoltà, che invece sono chiamati ad aiutare e a sostenere”, chiude Miraglia. In questi giorni è stata depositata una querela denuncia nei confronti degli assistenti sociali di Bologna che negli anni si sono succeduti nella vicenda.

Studio Legale Miraglia

Pubblici esercizi, FIPE-Confcommercio scende in piazza: «Vogliamo una data certa per le riaperture: questo è il nostro ristoro»

Ci sarà anche il presidente provinciale FIPE, la Federazione italiana Pubblici esercizi di Confcommercio-Imprese per l’Italia, Fabio Zambelli a Roma domani, martedì 13 aprile, all’Assemblea nazionale FIPE organizzata in piazza per dare coralmente volto e voce all’esasperazione di imprenditori in grandi difficoltà, con la richiesta al Governo e alla Politica in generale di un impegno preciso sulla ripartenza e di un piano per farlo in sicurezza.

«E’ indispensabile – spiega Fabio Zambelli – dare un segnale forte e pubblico di preoccupazione e insoddisfazione sulle modalità con le quali il Governo sta gestendo la crisi sanitaria. Incertezza e mancanza di prospettive fanno male quasi più delle chiusure. La situazione è complessa, ma senza prospettive certe e credibili si finisce nel caos».

«Sarà una forma di protesta ordinata e costruttiva – sottolinea Fabio Zambelli – coerente con lo stile di una Federazione che ha sempre cercato un confronto con le istituzioni, rifuggendo populismi, polemiche e strumentalizzazioni e che oggi vuole dare un altro segnale forte. Ormai è più di un anno che il nostro settore è in serie difficoltà con qualche parentesi di apertura che però non può bastare né a noi né ai nostri dipendenti. Abbiamo bisogno di una data certa per riaprire: questo è il nostro ristoro».

La sindrome del Faraone di chi non combina nulla (di buono)

LA PUNTURA/Di Federica Prati

Piazze, strade, obelischi, viali, fontane. Non c’è nulla che non sia passato dalle mani del Comune di Reggio. O, per meglio dire, la “sindrome del Faraone” dalla quale i nostri amministratori sembrano essere ampiamente afflitti, dato che, per lasciare simbolo tangibile della loro presenza (come se a Reggio in 70 e passa anni di sinistra non ne avessimo abbastanza…) hanno modificato tutti i luoghi centrali e manufatti più importanti della città.
Hanno dato una stretta in termini di sicurezza? Hanno contrastato il crimine e risolto il problema delle ex Reggiane? No. I nostri amministratori, per lasciare prova del loro passaggio ai posteri, hanno sradicato la città dalle tradizioni e l’hanno portata in una marea di Luserna e angoli (la tragedia che è diventata piazza del Cristo non la nomino neanche). Piazza Gioberti, diciamolo chiaramente, con quella fontana sembra la toilette della Duchessa. Una bellissima toilette, ma pur sempre tale. E infatti ci sono testimonianze social di come le persone lo usino per rinfrescarsi en plein air. Manca solo l’angolo per incipriarsi il naso, per quello si può andare alle ex Reggiane dove persino il Brumotti è rimasto sconvolto. E allora basta: per favore, fermatevi qui. Piazza San prospero va bene così. Niente più rendering sovrannaturali che dipingono la zona stazione con le personcine felici e in armonia. Potrete stravolgere il volto della città ancora e ancora, rifare per la 14esima volta il Parco delle Paulonie, ma perché queste riqualificazioni funzionino occorre restituire sicurezza e decoro urbano a una città che l’ha perso da tempo.

#IoApro

Due chiacchiere con Nanetti sui ristoratori in protesta: “Le attività devono riaprire, torneremo a Roma”

di Federica Prati

Io apro per non chiudere più.

E’ il motto della compagine di ristoratori che, nonostante il Governo lo vieti, sta continuando a tenere aperti, a pranzo e a cena, i loro locali. Si sono costituiti a movimento e offrono tutela legale in caso di sanzioni ai sostenitori della loro protesta, scesa sulle piazze di tutta Italia e anche in Emilia. Li abbiamo visti protagonisti indiscussi della scena pubblica, li abbiamo visti attrarre masse di persone e fare scalpore, quando in verità chiedono una cosa piuttosto semplice: il diritto di lavorare.

In questi giorni sono “il tema scottante” della settimana, il piatto caldo della politica, perché, ça va sans dire, a Roma durante una libera manifestazione del gruppo ci sono stati tafferugli con la Polizia. Da allora si sono aperti i fari su questo movimento, in tutta Italia hanno provato a etichettare in tutti i modi ciò che si può chiamare semplicemente con un nome: ristoratori. In realtà, altro non sono se non partite iva che chiedono di poter riaprire, in sicurezza e nel rispetto delle norme igieniche. E a Roma ritorneranno presto, forse già il prossimo lunedì.

A fare parte del Movimento “IoApro” è il correggese Andrea Nanetti, già noto per la sua battaglia contro la “fabbrica della morte” Cemental, che gli ha portato via prematuramente il papà Luciano. Con lui abbiamo parlato per capire di più su questa spontanea aggregazione di liberi professionisti.

Andrea Nanetti sul palco di IoApro

Stanchi, arrabbiati, frustrati. Sono tutte parole con le quali possiamo identificare i ristoratori. Nanetti, cosa pensa della situazione contingente?

Il Governo ignora completamente le istanze di migliaia di partite iva. Il Covid è molto aggressivo e non deve essere assolutamente sopravvalutato, però ci stanno marciando sopra e l’Italia è disorganizzata: nella maggior parte del mondo si sono attrezzati per affrontare il Coronavirus, e ovunque abbiamo immagini di Paesi che sono venuti a soluzioni per contingentare la pandemia e riprendere a vivere allo stesso tempo. Ho amici a Stoccolma, Minsk, Mosca, San Pietroburgo, dove tutto è aperto e i bambini frequentano le scuole, e l’organizzazione è nettamente migliore rispetto alla nostra. Le regole del Governo italiano non sono leggi, sono Dpcm, l’articolo 13 e 16 della Costituzione restano primari come diritti fondamentali del cittadino. Nessuno ci può impedire di esistere e di muoverci liberamente. Per quanto concerne le cure, anche lì ci si è mossi in maniera a mio parere incomprensibile. Con tachipirina e vigile attesa si sono fatti molto danni, quando bisognava intervenire subito e con le cure adeguate, com’è stato fatto in altri Paesi. Tutto il peso e le responsabilità sono stati lasciati a bravissimi, eccellenti medici che hanno spinto sin da subito per le terapie domiciliari. Così non si può continuare perché le strategie sono sbagliate, in altre Nazioni hanno subito compreso che gli anticorpi monoclonali potevano essere una terapia efficiente e hanno investito in questo tipo di cure, da noi si è perso troppo tempo prezioso. E ora ne paghiamo le spese.

Ci spieghi un po’ IoApro e le persone che compongono il movimento.

Le realtà sono molteplici. I fondatori sono Umberto Carrera, Biagio Passaro, Momi Tito El Hawi, Antonio Alfieri… c’è un bel gruppo di promotori che si sono dati da fare per avviare il progetto, io ho dato una mano perché ogni aiuto è importante. Sono dell’idea che coloro che non reagiscono non hanno diritto di lamentarsi. Ci sono ristoratori, baristi, commercianti, artigiani, fornitori, normali partite iva, liberi professionisti di tutti i tipi. E’ un anno che ci dicono torneremo ad abbracciarci, ma questa è un’Italia che non riconosco più.

Nanetti con il fondatore di IoApro Momi Tito El Hawi

Siete attivi in tutta Italia. In Emilia quali saranno le prossime date?

Ci sarà una manifestazione domani sabato 10 aprile a Modena alle 15, che non è organizzata da IoApro, ma dal movimento No Lockdown al quale fanno riferimento anche tutte le categorie danneggiate dalle restrizioni. Parliamo di decine di migliaia di partite iva e, a catena, tutta una filiera bloccata che dipende da esse.

I media hanno cercato di inquadrarvi, alcuni vi hanno etichettato come estrema destra, come “no vax”, “no mask”, e via dicendo. Si riconosce in queste definizioni?

Siamo favorevoli ai disposizioni sanitarie di protezione, però è anche protettiva una vita sana. Non mi riconosco nelle etichette, in piazza c’erano moltissimi padri e madri di famiglia disperati, che chiedono semplicemente di lavorare. Nient’altro.

I politici, a Roma, vi hanno ascoltato?

A Roma torneremo con grande probabilità già lunedì, però erano in diversi, fra Paragone (Italexit, ndr), Fratelli d’Italia e CasaPound ad averci ascoltato. Purtroppo non ho visto nessuno della Lega, nella quale io militavo. Anche localmente, dopo una prima fase di apertura a IoApro, poi nulla. Per tutti questi motivi io esco dalla Lega, che ha dato il suo appoggio al Governo Draghi. Avevo dato grande fiducia a Salvini, ho fatto campagna elettorale per lui ed ero attivo nella Lega, ora però il nuovo corso, che ha fatto della Lega un partito europeista e alleato del Pd, mi ha deluso enormemente perché non potrò mai essere alleato delle sinistre. Oltre a ciò, gli sbarchi sono aumentati esponenzialmente, “merito” della Lamorgese, e Speranza resta ministro. Purtroppo nel Governo Draghi o non sei rilevante o, peggio, sei complice di tutto questo. Ora le nostre strade si dividono.

Secondo Lei, nel futuro di IoApro, c’è il pensiero di costituirsi a partito?

Io sono un semplice cittadino, per il momento direi di no, ma non spetta a me dirlo… nasce come un gruppo spontaneo per lavorare, noi non vogliamo l’elemosina del Governo, vogliamo semplicemente i nostri diritti.