Sabato la commemorazione delle Croci di Montepiano e Volpara

PER NON DIMENTICARE TUTTI I CADUTI RSI E I MARTIRI DEL CONFINE ORIENTALE

Sabato 12 giugno, alle ore 11, a Volpara e a Montepiano di Vetto si terranno le benedizioni alle Croci erette in memoria di Pietro Azzolini e Ostilio Ferrari. Il dottor Pietro Azzolini ( 36 anni), Medico della G. N. R, uomo legatissimo al territorio montano reggiano, tanto si prodigo’ per la sua gente, portando medicinali e viveri a quelle popolazioni che rimasero isolate e falcidiate dai rastrellamenti del marzo 1944. La vigilia di San Giovanni 1944, un gruppo di partigiani si reco’ presso la sua abitazione, in Vetto, con la scusa di feriti da curare, si fecero seguire dal medico che, ligio al giuramento di Ippocrate, sempre aveva curato tutti, senza distinzione di casacca. Povero Pietro, a pochi chilometri da casa, tra gente che aveva amato e curato, venne trucidato, spogliato dei soldi, orologio d’oro, dono della mamma per la laurea, penna stilografica, catenina con immagine della Madonna e su consiglio degli ‘eroi’ aveva indossato scarponi pesanti e giaccone di pelle anche questi tolti dai ‘predatori’. A poche centinaia di metri, in quella notte di inizio estate, venne trucidato il maresciallo Ostilio Ferrari, prelevato da casa quella sera stessa. I corpi sepolti sotto una spanna di terra, spanna fatta scavare da loro stessi, vennero ritrovati, grazie a Pasquale Marconi, in settembre e ottobre. Dal 2013, con l’associazione culturale Pietro e Marianna Azzolini e il Centro studi Italia, abbiamo deciso di onorare il ricordo di altri vettesi, finiti innocenti, in quella bufera fratricida. Luigi Azzolini, padre di 5 figli, mai avvicinato alla politica, ebbe un unico “torto”, quello di aver lavorato, come operaio, con i 2 figli piu’ grandi Illo, 15 anni e Didimo, 13 anni al progetto TOD. Tornato a casa dall’ultimo lavoro, vicino a Firenze, fu prelevato, da alcuni partigiani, minacciato con “e poi faremo i conti”, non torno’ più, i suoi resti vennero riportati al cimitero di Cola, dopo che i figli ricevettero una “spiata”. Una preghiera per Didimo che tanto ci ha aiutati. Roberto Rinaldi, papa’ di Nice, la nostra amica che ci ha raccontato con dovizia di particolari, questa triste vicenda e quella del fratello Franco. Roberto faceva il cantoniere e abitava al mulino di Buvolo, aveva moglie e 4 figli. La guerra era finita, ma non gli odi, Roberto venne chiamato in comune a dare informazioni, ma quali informazioni poteva dare un cantoniere? Non torno’ piu’ ne’ si seppe mai dove riposano le sue spoglie mortali. Franco, figlio di Roberto, aveva 20 anni, era stato lontano da casa per 3 anni, in Germania, nulla sapeva del clima di odio e del papa’. Venne fermato a Ciano dai partigiani, portato al carcere partigiano di Vedriano e di la’ in un bosco di Trinita’, dove venne trucidato. Qualcuno vide e informo’ le figlie che portarono i poveri resti di Franco nel cimitero di Cola. Bernardo Genitoni, papa’ di Romano e Renata, milite della G. N. R, fu fatto prigioniero il 23 aprile 1945 a Castelnovo Sotto, in seguito alla resa del presidio della G. N. R. Fu portato al Ponte Nuovo Crostolo e legato con il filo di ferro ai commilitoni, soppresso senza pietà. Quest’anno, la commemorazione rappresenta un altro piccolo passo nella Memoria. Abbiamo aggiunto una targa, ideata da Isabella, con un Angelo benedicente, dedicandola a tutti loro e ad altri montanari, finiti incolpevoli in quel mostruoso, infernale ingranaggio. Il geometra Alfonso Dazzi, zio della nostra amica e socia Liliana, uno dei coraggiosi ragazzi del ’99”, di Cereggio, persona influente che si prodigo’ sempre con tanto amore per i suoi concittadini venne prelevato il 29 giugno 1944, torturato barbaramente, legato con filo di ferro, come videro e testimoniarono le persone del posto, al termine del suo Calvario, trucidato. I suoi resti mortali, restituiti alla famiglia, nel settembre 44. Se dovessimo scegliere una immagine per rappresentare la tempesta di questa satanica guerra fratricida, sceglieremmo la famiglia Filippi del Borcale di Ramiseto. Una famiglia di umilissimi contadini che viveva di quel minuscolo podere e di quelle poche vacche, spazzata via senza alcuna colpa. Maria Costi, la mamma, LodovicoFilippi, il papa’, Pierino e Marino, i figli. Su quella terra dove hanno vissuto una breve vita, si e’ compiuto il dramma. Maria e Lodovico vennero uccisi nei campi dove stavano lavorando, Pierino che, per aiutare la famiglia a mantenere Marino in un istituto, aveva scelto di entrare nella milizia, tornato a casa per trovare i genitori, venne prelevato e ucciso in un bosco a Cereggio. Di Marino si persero le tracce, come se non fosse mai vissuto… Cosi’ come della poverissima casa, non rimase neanche una pietra, solo sterpaglie. Dimenticati per quasi 70 anni, solo nei ricordi di lontani cugini, uno di loro, un giornalista di Milano, Fabio Abati, ha scritto un bel libro” Il sentiero del traditore, viaggio in Appennino al tempo dei partigiani”. Noi non dimenticheremo Maria, Lodovico, Pierino, Marino come non dimenticheremo i nostri fratelli del confine orientale, uniti, oltre che dal sangue versato, dal tricolore che sventolera’ sempre sopra Volpara. Conosciamo e amiamo come una sorella, Norma Cossetto, Istriana di santa Domenica di Visinada, ameremo allo stesso modo Manfredi Zmarich, Istriano di Laurana, venne prelevato da casa, a fine guerra, non torno’ piu’. La sua morte fu quella di altre miliaia di Italiani, Giuliani, Fiumani, Dalmati, Istriani, torturati ed infoibati vivi dai partigiani titini, aiutati da quelli italiani. Sara’ con noi x parlarci di Manfredi, il nipote Mauro, amico e membro del Comitato Familiari vittime Giuliane, Istriane, Dalmate, Fiumane. Affinche’ nulla di tutta questa tragedia, possa piu’ accadere.
Laurentia Azzolini, associazione Pietro e Marianna Azzolini

Leave a Comment

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s