Emerge un nuovo caso #bibbiano

BIBBIANO – Un nuovo caso riconducibile al sistema Bibbiano è emerso grazie al recente decreto della Corte d’Appello di Bologna, che ha ribaltato il precedente provvedimento di allontanamento emesso dal Tribunale per i minorenni dell’Emilia Romagna, il quale aveva accolto le relazioni dei Servizi sociali dell’unione Val d’Enza, tristemente noti per l’inchiesta “Angeli e demoni” e il conseguente processo sulle irregolarità degli affidi di minori. È il caso di una ragazzina, ora quattordicenne, e che all’età di tre anni era stata affidata agli zii paterni, con i quali è cresciuta fino a quando i Servizi sociali hanno accolto la richiesta avanzata dai genitori di riprenderla con sé. 

La bambina, seguita nel frattempo da Hansel  e Gretel è stata nuovamente allontanata da loro dopo tre anni, per presunti abusi sessuali da parte dei genitori (le accuse sono state, però, archiviate per mancanza di elementi probanti).Ma inspiegabilmente, invece di essere affidata nuovamente agli zii con cui era cresciuta, è andata a vivere presso una famiglia affidataria, la quale non si è dimostrata all’altezza del compito affidatole: la madre affidataria due anni fa aveva accompagnato la ragazzina a una seduta con la psicologa e l’ha lasciata lì, l’ha abbandonata asserendo di non volersi più occupare di lei. Il Tribunale comunque l’ha affidata nuovamente a questa famiglia, ma da allora gli zii hanno richiesto di riaverla con sé. «La Corte di Appello di Bologna ha accolto la richiesta» dichiara Miraglia, legale degli zii della ragazzina, «ribaltando totalmente la decisione emanata nel mese di novembre 2019 dal Tribunale per i minorenni dell’Emilia Romagna: la minore dovrà riavvicinarsi gradatamente agli zii paterni, al fine di tornare a vivere con loro, e le capacità della famiglia affidataria dovranno essere esaminate». Lo stesso tutore della ragazzina aveva ritenuto che il suo affidamento eterofamigliare non rispondesse a una buona prassi e che le modalità applicate fossero improprie, non avendo valutato il rapporto della bambina con la famiglia di origine. E la Corte d’Appello ha accolto la sua istanza. «Bibbiano non è un semplice “raffreddore”, come qualcuno ha avuto modo di dire» prosegue Miraglia, «bensì un vero sistema, che coinvolge molto più dei nove casi inseriti nell’inchiesta “Angeli e demoni”, come noi abbiamo sempre sostenuto, e sui quali è necessario far luce. Questa decisione smentisce totalmente il Tribunale per i Minorenni, alla faccia di chi, in nome e per conto del Tribunale stesso, ha affermato che tutti i casi giacenti fossero stati esaminati e non fossero emerse irregolarità».

Studio Legale Miraglia Associato

Leave a Comment

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s